La Notte più Prenotata di Sempre

La missione di Airbnb é quella di creare un mondo in cui tutti possano sentirsi a casa, ovunque. All’inizio, molte persone pensavano che la condivisione di una casa da parte di estranei non avrebbe mai funzionato, ma abbiamo sempre creduto che una comunità fondata sulla fiducia potesse avere successo.

Negli oltre 10 anni trascorsi dagli esordi di Airbnb, la nostra community ha creato una rete veramente globale di host e ospiti che si estende a quasi ogni Paese e regione del mondo. Gli host australiani hanno accolto ospiti provenienti da 231 Paesi e regioni, mentre gli ospiti australiani hanno viaggiato verso 233 destinazioni.

Il 10 agosto, più di 4 milioni di persone hanno trascorso la notte in un alloggio Airbnb. È stata la data più prenotata della storia di Airbnb e ha stabilito un nuovo livello di appartenenza sulla piattaforma.

Fin dall’inizio, abbiamo visto come Airbnb può trasformare degli estranei in amici e permettere alle persone di sentirsi a casa. Oggigiorno, è proprio questo il tema di difficili conversazioni in tutto il mondo. Sono in discussione questioni di importanza cruciale che vanno ben oltre Airbnb.

Non abbiamo di certo tutte le risposte e impariamo ogni giorno qualcosa in più. Abbiamo appreso, ad esempio, che una comunità non viene costruita con la tecnologia, ma con le persone. Anche oggi, nell’era digitale, la comunità è costruita nello stesso modo di sempre: trascorrendo del tempo insieme offline, in caffetterie, luoghi di preghiera, uffici governativi e a casa propria. In un periodo di vite digitali, costruzione di muri e imposizione di divieti, queste connessioni offline possono aiutare le società e le comunità a prosperare.

Questa idea non è nuova. Gli antichi greci abbracciavano il concetto di filoxenia, in base al quale uno sconosciuto doveva essere accolto ad Atene come un amico. Diverse versioni di questo ideale sono vive in tutto il mondo, dal concetto di “ubuntu” in parti dell’Africa sub-sahariana a quello di “pashtunwali” in Afghanistan.

Noi di Airbnb utilizziamo la tecnologia per facilitare i legami umani e, ogni volta che un nuovo host o ospite si unisce alla piattaforma, la nostra rete globale cresce. L’anniversario dell’Apollo 11 ci ha ricordato i momenti globali che uniscono le persone. Anche se questi momenti unici di vera unione su scala mondiale diminuiscono sempre più, le persone possono comunque ritrovarsi lungo lo stesso percorso, facendo lo stesso tipo di viaggio anche quando si dirigono in direzioni diverse e, cosa forse più importante, trascorrendo del tempo con gli altri… offline. Nel complesso mondo odierno, la comprensione e la fiducia più profonde che possono derivare da persone che viaggiano per sperimentare culture e comunità diverse dalla propria sono particolarmente importanti per affrontare questioni esistenziali a livello globale, come il cambiamento climatico e la disuguaglianza.

“Airbnb ci ha dato l’opportunità di incontrare persone da ogni parte del mondo. Mi ha fatto capire che culture diverse possono convivere. Indipendentemente da dove si proviene si può essere felici, condividere momenti, creare bei ricordi insieme”

Pim
Host Airbnb
Tailandia

Per aiutarci a capire meglio la nostra rete globale e come raggiungere il nostro obiettivo, abbiamo creato l’Indice di Connessione di Airbnb. Questo riflette gli accoppiamenti di Paesi e regioni creati tramite host e ospiti. Ad esempio, quando un ospite argentino soggiorna per la prima volta con un host canadese, viene stabilita una nuova connessione tra Argentina e Canada. Allo stesso modo, quando un ospite canadese viene accolto per la prima volta da un host argentino, si crea una nuova connessione dal Canada all’Argentina.

Con 245 Paesi e regioni in tutto il mondo, è matematicamente possibile ottenere 60.025 connessioni globali. Questa astratta possibilità matematica si avvicina ogni giorno di più alla realtà. Nel 2010, la piattaforma di Airbnb ha facilitato più di 1.300 connessioni. Nel 2015, questo numero ha superato 16.500.

Ad oggi sono state effettuate quasi 26.000 connessioni tramite la piattaforma di Airbnb. Recentemente abbiamo registrato una serie di nuove connessioni: un host da Gibuti ha accolto un ospite dal Cile, un host in Botswana ha accolto un ospite dall’Indonesia e un host dal Kirghizistan ha accolto un ospite dal Ruanda. Ogni giorno, Airbnb effettua in media 8 nuove connessioni tra diversi Paesi e regioni. Entro la fine di quest’anno, ci aspettiamo di superare la metà del traguardo con più di 30.013 connessioni, continuando a crescere. Prevediamo di superare l’obiettivo di 50.000 connessioni entro il 2027.

Queste connessioni sono rese possibili in parte grazie alle dimensioni e alla portata della rete globale di Airbnb. Nel complesso, ci sono oltre 6 milioni di annunci Airbnb in oltre 100.000 città, ovvero più annunci del numero di camere delle principali 7 catene di hotel. Circa 6 ospiti effettuano il check-in in un alloggio Airbnb ogni secondo. E questi check-in avvengono in tutto il mondo: nel 2011, c’erano 12 città con più di 1.000 annunci Airbnb; oggi, quasi 1.000 città hanno più di 1.000 annunci Airbnb.

Allo stesso modo, nel 2011 solo una città ha accolto oltre 100.000 ospiti in alloggi Airbnb. Da allora, la portata globale della community di Airbnb si è ampliata notevolmente. Nell’ultimo anno, più di 300 città hanno accolto oltre 100.000 ospiti, tra cui città come Bandung, Indonesia; Cuernavaca, Messico; Sofia, Bulgaria; Ubatuba, Brasile; Albuquerque, Nuovo Messico, Stati Uniti; e Johannesburg, Sudafrica.

Nel complesso, abbiamo registrato oltre mezzo miliardo di arrivi in alloggi Airbnb dai nostri esordi. Nel 2011, il 40% di tutti gli ospiti Airbnb è arrivato nelle nostre 10 città più grandi. Finora, nel 2019, circa il 92% di tutti gli ospiti è arrivato al di fuori di queste 10 città principali. Come abbiamo evidenziato in un recente report, gran parte della crescita più rapida di Airbnb si sta verificando nelle destinazioni emergenti, spinta da una crescente domanda di viaggi in luoghi di Asia Pacifico, Africa e America Latina.

Sebbene la nostra community in città come New York, Londra e Parigi sia ancora cresciuta rapidamente (gli host di ognuna di queste città hanno accolto oltre 2 milioni di ospiti nell’ultimo anno), ora rappresenta una frazione molto più piccola della community complessiva di Airbnb. Ad esempio, nello scorso anno New York ha rappresentato meno dell’1% di tutti gli arrivi degli ospiti. In effetti, nessuna città al mondo rappresenta più dell’1% circa degli arrivi degli ospiti o degli annunci di Airbnb.

Gli host hanno beneficiato di questa incredibile crescita globale. Nel 2011, in 20 città gli host hanno guadagnato un totale di oltre 1 milione di dollari condividendo il proprio spazio. Oggi ci sono quasi 3.000 città i cui host hanno guadagnato più di 1 milione di dollari lo scorso anno. Soltanto nell’ultimo anno, in 33 città diverse gli host hanno guadagnato un totale di oltre 100 milioni di dollari per città ospitando su Airbnb.

“Io e mia figlia abbiamo incontrato persone fantastiche provenienti da tutto il mondo. Adoro il fatto che arrivi così tanta gente a condividere la nostra casa. Spesso, le conversazioni con gli ospiti sono anche fonte di ispirazione. Mi offrono la possibilità di vedere il mondo in modo diverso.”

Mutheu
Host Airbnb
Kenya

Il 10 agosto, la notte più prenotata della storia della piattaforma, ha stabilito per Airbnb un nuovo traguardo e una nuova sfida. Con la crescita della nostra community, ci impegneremo ad aumentare le connessioni tra le persone e a stabilire nuovi record.

Ricevi aggiornamenti e annunci dalla Newsroom di Airbnb nella tua posta.

Riceverai delle email da Airbnb Newsroom e accetti che i tuoi dati personali vengano elaborati ai sensi dell'Informativa sulla privacy di Airbnb. Puoi annullare l'iscrizione a queste email in qualsiasi momento cliccando sul link che trovi in ciascuna di esse.

Per modificare la lingua o la regione della newsletter, utilizza il selettore della lingua prima di inviare questo modulo.

Ti ringraziamo per l'iscrizione!

Si è verificato un errore durante la conferma della tua iscrizione. Ti preghiamo di riprovare.